In Chianti:Visitare il Castello di Brolio

Trova il tuo Hotel in Chianti

Destinazione
Arrivo
Partenza

Florence & Tuscany tours

facebooktwitteryoutube

discover tuscany
visita il castello di brolio

Chianti » Gaiole in Chianti »

Il castello del Chianti Classico

Indirizzo
località Brolio
53013 Gaiole in Chianti (SI)
Ingresso
Giardini euro 5,00
Giardini e Museo euro 8,00
degustazione inclusa nel biglietto
Orario
da martedì a domenica 10.30 - 12.30 e 14.00 - 17.30
http://www.ricasoli.it/

Il suggestivo Castello di Brolio domina da oltre 10 secoli le vallate che lo circondano nella parte meridionale del Chianti Classico. Situato su un'alta e solitaria collina a pochi chilometri dal centro di Gaiole in Chianti, il castello ha origini longobarde e sin dal 1141 appartiene all'importante famiglia toscana dei Ricasoli.

Nonostante la vicinanza a Siena, che dista circa 20 chilometri e il cui profilo può essere scorto all'orizzonte, Brolio è sempre stato legato a Firenze diventando un avamposto strategico nella difesa del territorio. Per questo ha subito molti assedi e distruzioni e di conseguenza è stato più volte ricostruito seguendo lo stile dell'epoca. L'ultimo attacco lo ha subito durante i bombardamenti della Seconda Guerra Mondiale, come si vede dagli evidenti segni sulla facciata.

Il castello che vediamo oggi è frutto della ricostruzione voluta da Bettino Ricasoli nell'Ottocento, secondo il gusto medievale dell'epoca. Splendidi e molto suggestivi i giardini all'italiana dalle caratteristiche forme geometriche e il parco romantico che circonda il castello. Dal giardino si gode di una vista mozzafiato sui possedimenti dei Ricasoli, famosi produttori di vino. All'orizzonte, nelle giornate serene, si scorge la splendida Siena.

All'interno del Castello si può visitare la Cappella di San Jacopo con la cripta di famiglia, e un piccolo museo della Collezione Ricasoli che conserva le armi appartenute alla famiglia, documenti e oggetti appartenuti a Bettino Ricasoli tra cui una parte della sua collezione di fossili e minerali.

Il Castello di Brolio è visitabile a pagamento. Il tour classico prevede la visita libera e senza guida ai giardini che circondano il castello. Il tour storico include la visita guidata al museo, mentre il tour ricerca e sperimentazione prevede la visita alle cantine e ai vigneti sperimentali e può essere fatto solo su prenotazione. Personalmente consiglio il tour classico a meno che non siate appassionati di armi e storia, oltre che di viticoltura sperimentale. In ogni caso, il biglietto per tutti e tre i tour include una degustazione di vini all'enoteca del castello.

Ciò che stupisce di Brolio è la sua bellezza e magnificenza, oltre che la sua storia millenaria strettamente legata al territorio e alla produzione del Chianti Classico. Infatti i Ricasoli già negli anni '40 del secolo scorso esportavano il loro ottimo vino in tutto il mondo, nessun zona esclusa.
Un consiglio: il Castello di Brolio non è servito da mezzi pubblici se non durante il periodo scolastico, quindi è necessario un mezzo proprio che sia la macchina, la moto o la bicicletta.

Il Barone di Ferro

Il fantasma di Brolio

Una leggenda locale vuole che nelle notti di luna piena nei dintorni del castello si aggiri il fanstasma di Bettino Ricasoli. Alcuni lo hanno visto passeggiare da solo o a cavallo seguito da una muta di cani da caccia. Addirittura sembra che il letto del barone sia stato trovato disfatto più volte dopo la sua morte, proprio come se qualcuno vi ci avesse dormito.

Bettino Ricasoli, detto il Barone di Ferro per la sua fermezza e convinzione nei suoi ideali, è stato tra i più importanti politici italiani dell'Ottocento oltre che tra i fautori dell'Unità Italiana ed anche sindaco di Firenze.

Il suo nome è strettamente legato a quello di Brolio e del vino Chianti. Infatti egli fu il primo a creare la formula ideale per il Chianti, mescolando tre uve diverse in quantità determinate rimaste in vigore fino al 1967 per la produzione del Chianti Classico di denominazione di origine controllata. Viaggiò molto portando in Chianti strumenti d'avanguardia e nuove conoscenze. Si può infatti dire che Bettino Ricasoli abbia contruibuito al risorgimento della vinicoltura italiana.

~Valentina Dainelli
DiscoverTuscany Team

Ti consigliamo anche:

Gaiole in Chianti

Avete trovato questo articolo interessante? Condivitelo!

Domande? Il posto giusto è sul nostro Forum!

(domande postate nei Commenti sotto non riceveranno risposta - postate sul Forum!)

blog comments powered by Disqus