Le tariffe più basse per il tuo Hotel in Chianti con Booking.com

Le offerte migliori direttamente dai proprietari su AgriturismoInToscana.com

Trova la tua Casa Vacanze o Appartamento in Toscana su Airbnb

Case Vacanza su AirBnb

Prenota Tour e Degustazioni

Prenota il tuo Tour

Prenota i tuoi biglietti ed evita le attese!

Prenotazione Musei

Scopri le offerte dei migliori Ristoranti in Toscana con TheFork

Prenota il Ristorante

Barberino Val D'Elsa, Armonioso Crocevia del Chianti

Cosa c'è da sapere & dove andare

Bellissimo borgo medievale circondato dalla campagna toscana tra Firenze & Siena

La storia di Barberino è strettamente collegata a quella che un tempo era la potente città di Semifonte, località limitrofa completamente distrutta dai fiorentini nel 1202 ed al castello dei Conti Alberti. La storia di Semifonte è molto affascinante: durante il medioevo era una grande, importante città, motivo per cui era considerata una pericolosa nemica di Firenze. La lotta per il potere spinse, alla fine, i fiorentini ad agire per eliminare definitivamente quella minaccia. Dopo un assedio durato 4 anni, Semifonte fu conquistata e completamente distrutta; per prevenirne la ricostruzione, Firenze emanò un divieto per chiunque di ricostruire sul posto...per sempre!

Picturesque town, Barberino val d'Elsa

Non vi sono prove evidenti per dimostrare la presenza di un castello a Semifonte, ma vi sono molte leggende in merito, che ci raccontano come i fiorentini non soltanto obbligarono i cittadini di Semifonte a distruggere la loro stessa città, ma che fu persino sparso del sale sul suolo. Coloro che riuscirono a scappare alla morte a Semifonte, furono mandati a Barberino per rinforzare sia le sue mura difensive con le pietre del castello demolito di Semifonte e della città, sia la sua popolazione. Barberino Val d'Elsa crebbe, così, come un'importante città mercato grazie anche alla sua posizione nel crocevia di strade che conducevano da nord a sud e da est a ovest e, proprio per questa ragione, si trovò spesso a difendere i propri confini con l'aiuto di Firenze. Sia la città di Barberino che la campagna circostante rappresentano un'opzione favolosa come base per il vostro soggiorno in Toscana e nel Chianti, che consente, inoltre, facilità di accesso alle destinazioni più popolari della regione.

Cosa vedere a Barberino Val d’Elsa

La città è caratterizzata da una forma simile ad un fuso allungato, all'interno del quale la strada principale arriva fino al centro collegando i due maggiori punti di accesso alla città. Entrando dalla Porta Senese a sud, arrivata fino ad oggi abbastanza ben preservata, imboccherete via Francesco da Barberino, dove si trovano diversi edifici interessanti dai bellissimi portoni di legno e dalle pareti in limpida pietra che, secondo le leggende, sono proprio quelle delle macerie di Semifonte. Alla sinistra dell'entrata si trova il Palazzo del Cardinale, dove è esposto l'emblema della famiglia Barberini e quello di Papa Urbano VIII. Proseguendo lungo la strada, circa a metà, si trova il Palazzo Pretorio, dinanzi alla piccola piazza, con la facciata decorata con i 35 stemmi delle importanti famiglie nobili che qui si sono alternate dal 15° secolo, incluse diverse famiglie fiorentine. 

Porta Sienese at Barberino val d'Elsa

La caratteristica disposizione urbanistica vi farà ammmirare la parte posteriore della Chiesa di San Bartolomeo, che potrete visitare meglio poco più avanti. Procedendo ancora lungo via F. da Barberino, arriverete alla Porta Fiorentina che, sebbene non sia più l'originale, fa comunque la sua impressionante figura. La posizione di Barberino sul crocevia che conduce verso la via Francigena ha sempre fatto di questa località un luogo di accoglienza e riposo dei viaggiatori e dei suoi abitanti persone destinate a prendersi cura dei pellegrini; ecco perchè vicino alla Porta si trova anche l'Ospedale dei Pellegrini, costruito nel 1365 da Taddeo di Cecco, che oggi ospita la moderna biblioteca cittadina. Poi, si raggiunge la Chiesa di San Bartolomeo, ricostruita nel 1910 in stile neo-gotico. All'interno, si trova un frammento di un affresco del 14° secolo ed un pannello rappresentante la Vergine Maria con Bambino mentre dà un rosario a Santa Caterina da Siena e San Domenico, dipinto dal Maestro di Barberino nel 16° secolo. La terrazza davanti alla chiesa è un posto affascinante da dove poter ammirare le sinuose colline che caratterizzano quest'area e l'armonioso mosaico di oliveti, vigneti e fitta boscaglia.

Church Detail at Barberino val d'Elsa

Nelle Vicinanze

Sant'Appiano

Spesso citata come una delle chiese più antiche del Chianti, Sant'Appiano è sicuramente uno degli edifici religiosi della zona più pittoreschi, con le antiche colonne in pietra che ancora si ergono fiere dinanzi alla facciata. Situata non lontano da Barberino, Sant'Appiano vi permetterà di fare una passeggiata nella bellissima campagna circostante e di visitare l'interno della chiesa, le cui origini risalgono all'epoca etrusca, oltre al museo vicino che ospita diversi manufatti dell'area, dove troverete anche una breve spiegazione storica della chiesa.

Facade Sant'Appiano near Barberino val d'Elsa

Cappella di San Michele a Semifonte

Chapel of San Michele Arcangelo near Barberino val d'Elsa

Sebbene i fiorentini avessero severamente vietato a chiunque di ricostruire laddove un tempo si ergeva la città di Semifonte, fu presentata una petizione all'Imperatore affinchè facesse un'eccezione per onorare la città da tempo ormai defunta. La Cappella di San Michele Arcangelo (talvolta chiamata anche San Donnino) fu costruita nel 1597 da Santi di Tito, uno dei pittori italiani più influenti e conosciuti del periodo. Tito, che si dilettava anche in campo architettonico, scelse di realizzare questa cappella come una copia perfetta in scala 1:8 di quella della Cattedrale di Firenze. La cappella aveva la funzione di ricordare quella a cui talvolta ci si riferisce come la "città inesistente". Il sito dove un tempo sorgeva l'antica città di Semifonte e dove oggi si trova la cappella fu raso al suolo dai fiorentini nel 1202 - come spiegato poco fa - e rimane tuttora un punto di notevole interesse per gli attuali studi archeologici.

Come arrivare a Barberino Val d’Elsa

Da Firenze prendete la superstrada Firenze - Siena ed uscite a Tavarnelle Val di Pesa, seguendo poi le indicazioni per Barberino Val d'Elsa. Per coloro che sono senza auto: prendete l'autobus numero 370A (diretto a Poggibonsi) dalla stazione SITA degli autobus situata vicino a quella dei treni di SMN (sempre a Firenze).

Fountain in Barbeino val d'Elsa

Se venite da Siena, prendete ancora una volta la superstrada Firenze - Siena ed uscite a Poggibonsi nord, seguendo le indicazioni per Barberino; un'alternativa più panoramica sarebbe quella offerta dalla strada SR 222 che passa da Monteriggioni e Poggibonsi e prosegue per Barberino. Per quanto riguarda i mezzi pubblici da Siena, le soluzioni non sono tra le migliori: prima dovete prendere l'autobus Tiemme 130A diretto a Poggibonsi, per poi cambiare e prendere il numero 370 per Barberino.

Informazioni utili

Il parcheggio principale di Barberino Val d'Elsa si trova proprio davanti alla chiesa, oppure ve ne è un altro proseguendo lungo la strada, dove si trova anche il parco della città con i giochi per i bambini.


Autore: Donna Scharnagl

Ho messo piede in Italia per la prima volta più di 25 anni fa ed ancora non ho trovato un buon motivo per andarmene. Dell'Italia amo il cibo, la cultura, la storia, l'arte, i paesaggi...ho menzionato già il cibo?! Mi definisco una studentessa a lungo termine. E così ho imparato che gli italiani hanno storie che vale la pena di ascoltare, storie che dipingono un quadro che mostra come il duro lavoro forgi il carattere, come la vita sia fatta di alti e bassi e quanto sia bello ridere.



Commenti

Domande? Il posto giusto dove chiedere è il nostro Forum*

* Non ci è possibile rispondere a domande poste nei commenti, per favore chiedi sul Forum!

Le nostre Guide

  • DiscoverTuscany.com
  • VisitFlorence.com
  • Chianti.com
  • Agriturismo in Toscana.com
  • Firenze Alloggio.com